Dettaglio Azione Header

Strutture/infrastrutture

Durata: 36 mesi

Dettaglio Ente Logo

Università/Istituti ricerca

Il progetto CampIUSS: il nuovo campus universitario della Scuola IUSS a Pavia

La Scuola IUSS è una piccola comunità di altissima qualità costituita da meno di 40 docenti, circa 30 amministrativi e tecnici, circa 300 studenti che frequentano i corsi di studio dell’Università di Pavia, circa 80 dottorandi e una ventina di assegnisti e postdoc.
Attualmente la Scuola IUSS dispone di una parte del Broletto di Pavia che, data la crescita degli ultimi anni, è largamente insufficiente per ospitare le persone che operano nella Scuola e le aule per le attività didattiche. I laboratori di ricerca sono di fatto presso strutture esterne alla Scuola di cui la Fondazione Eucentre è il caso più eclatante. In prospettiva il numero di persone è destinato a crescere e dovranno essere allestiti gli spazi per raccogliere i centri di ricerca che sono in via di costituzione. In questa situazione e prospettiva il Broletto non è più sufficiente.
Data la natura di città universitaria di Pavia, la presenza di una prestigiosa università, dei collegi di merito unici in Italia, di molti centri di ricerca e IRCCS, si ritiene necessario non disperdere le attività della Scuola IUSS in più strutture, ma piuttosto di realizzare un Campus Universitario (il CampIUSS) che consenta di ospitare gli uffici dei docenti e dell’amministrazione, le aule, le sale riunione, le aule studio, la biblioteca, i laboratori, gli alloggi per gli studenti e gli ospiti stranieri, la mensa e i servizi vari, gli spazi per società spin off della Scuola.
Ovviamente un progetto così ambizioso necessità di importanti investimenti che, verosimilmente, potranno essere acquisiti progressivamente e, in tal senso, il progetto del Campus sarà strutturato in fasi successive.
La ricerca di possibili aree per la realizzazione del campus ha consentito di individuarne una sulla quale sono presenti tre grandi edifici, più altri minori, a disposizione del demanio. 

pietrabissa

AGENDA 2030

4.3 Entro il 2030, garantire la parità di accesso per tutte le donne e gli uomini ad una istruzione a costi accessibili e di qualità tecnica, ad una istruzione professionale e di terzo livello, compresa l'Università


STRATEGIA NAZIONALE DI SVILUPPO SOSTENIBILE

PIANETA

I.1 Salvaguardare e migliorare lo stato di conservazione di specie e habitat per gli ecosistemi, terrestri e acquatici

TEAM DI PROGETTO E SVILUPPO

Interno
Esterno

DESTINATARI

L’iniziativa è rivolta alla comunità universitaria della città di Pavia e della Lombardia, coinvolgendo più direttamente la comunità IUSS (faculty, PTA, assegnisti di ricerca, dottorandi, allievi) ma anche l’intera comunità, accademica e civile, di Pavia e della Lombardia, che potranno contare su un polo universitario, di ricerca e innovazione, a vocazione internazionale e ispirato ai principi della sostenibilità.

Investimento
risorse interne

50%

Investimento
risorse esterne

50%

RISULTATI E MONITORAGGIO

"1. Edilizia sostenibile
Ci sono diverse caratteristiche del progetto che rispondono a criteri di edilizia sostenibile e riqualificazione urbana.
• Posizione sostenibile, ubicazione con un ottimo collegamento mediante i mezzi pubblici al resto della città, vicinanza alla stazione centrale per il collegamento con il territorio e accesso alla viabilità ciclabile.
• Sustainable Energy Management mediante installazione di Pannelli solari per produzione energia e calore, riqualificazione energetica dell’edificio per la riduzione dei consumi, utilizzo di pompe di calore, illuminazione a basso consumo
• Sustainable Water Management mediante la raccolta e riuso dell’acqua, impiego di piante e terreno per lo stoccaggio di acqua per il benessere igrometrico delle piante
• Ri-utilizzo di Materiali ecosostenibili, riutilizzo dei materiali originali (mattoni e legno) ed impiego di nuovi materiali ecosostenibili (sughero, vetro, materiali riciclati)


2. Riqualificazione Rigenerazione urbana
Il progetto CampIUSS ha anche l’obiettivo di dare nuova vita e vitalità ad una area dismessa e a rivitalizzare spazi e luoghi degradati con l’intento di permettere alla comunità di riappropriarsi e di rivivere nuovamente gli spazi pubblici, con miglioramenti sul lungo
periodo della qualità della vita, della sfera sociale, economica e ambientale.
Il CampIUSS non solo sarà un simbolo di valorizzazione culturale, ma anche di identificazione cittadina nei valori della formazione e della ricerca

3. Riduzione degli impatti ambientali
Il progetto CampIUSS nel suo complesso produrrà impatti socio-economici-ambientali positivi:
• Minor consumo energia, attraverso l’utilizzo di sistemi di produzione di energia da fonti rinnovabile, la riduzione del consumo di energia e la riqualificazione energetica dell’edificio
• Minor consumo di acqua, attraverso la riduzione dei consumi ed il riutilizzo dell’acqua
• Minor emissione di CO2, per la sua posizione favorita dai collegamenti ai mezzi pubblici ed alla rete ferroviaria e per i criteri di progettazione ecosostenibile
• Nessuna edificazione di nuove aree, non saranno edificate nuove aree ma verrà rivalorizzata un’area già edificata
• Nessun utilizzo del suolo naturale o agricolo, non verrà utilizzato suolo naturale o agricolo, ma anzi verrà adibito uno spazio a verde pubblico

4. Funzione sociale
Il CampIUSS avrà anche una funzione sociale positiva:
• Formazione universitaria di alto livello aperta a tutti gli studenti di Università di Pavia
• Ricerca scientifica su temi legati allo sviluppo sociale, umano ed ambientale
• Comunicazione e diffusione dei risultati della ricerca a tutta la cittadinanza
• Centro di interesse per non solo allievi della scuola, ma tutti i giovani di Pavia
• Riferimento culturale per tutti i cittadini della Lombardia"

COMUNICAZIONE

L’elaborazione della strategia di comunicazione è in corso.