Dettaglio Azione Header

tipologia azione: Formazione/informazione

Data inizio: 2018 

Dettaglio Ente Logo

Università/Istituti ricerca

Cattedra UNESCO “Gender Equality and Women’s Rights in the Multicultural Society”

La disuguaglianza di genere è ancora presente in molte aree del mondo e, a causa dei flussi migratori da paesi extra UE verso l'Italia e altri paesi dell'UE, mantiene i suoi potenziali effetti negativi. Il Progetto mira a sviluppare e migliorare la conoscenza e la consapevolezza dei diritti umani, in particolare in riferimento ai diritti delle donne, incluso il loro diritto a partecipare attivamente alla vita pubblica. Il Progetto intende contribuire a rimuovere i pregiudizi che sono spesso basati sulla mancanza di conoscenze e preparazione dal punto di vista storico-culturale. In termini di trasferimento di conoscenze, il Progetto coprirà le questioni relative all’affermazione dei diritti delle donne come diritti fondamentali e uguaglianza di genere. Il progetto, di tipo educativo, mira a predisporre una formazione modulata su diversi livelli e con riferimento ad un pubblico eterogeneo. Sono previste le seguenti iniziative:

  • Un corso universitario in italiano dedicato ai diritti delle donne in chiave comparatistica rivolto agli studenti delle lauree triennali e magistrali. Il corso sull'analisi dell'evoluzione dei diritti delle donne in Italia nel più ampio contesto europeo, così come in alcuni altri sistemi giuridici di riferimento extra-europei (in particolare in Cina e in India). La prospettiva è quella dell'avvento di una società multiculturale, in cui circolano regole, istituzioni e costumi insieme ai flussi migratori. Il corso mira quindi a consentire agli studenti di ottenere un quadro di riferimento rispetto alle principali questioni di uguaglianza e diversità, sia dal punto di vista culturale che giuridico, con specifico riferimento alle donne e al genere.
  • Una serie di lezioni in inglese tenute da un visiting professor statunitense della Fordham University di New York (Pof. Tanya Hernandez) principalmente rivolto ai dottorandi di ricerca. Le lezioni mirano a mettere in evidenza come, aldilà del quadro normativo, sia importante prendere coscienza di pregiudizi impliciti che sono difficili da sconfiggere senza una adeguata preparazione. Da qui il dialogo necessario con altre scienze sociali che possano mettere a disposizioni ulteriori strumenti di ricerca.
  • Una rassegna cinematografica completata da una serie di conferenze sui temi dell’emancipazione femminile aperta a tutta la cittadinanza. Per avvicinare il più ampio pubblico si è pensato di ricorrere alla rassegna cinematografica dedicata al ruolo delle donne nella società, coadiuvata da apposite conferenze che mirano a fornire agli spettatori il background storico e culturale delle vicende che vengono rappresentate nei film prescelti.

Credo che la Cattedra UNESCO offra la possibilità di entrare a far parte di un network internazionale, che annovera circa 700 cattedre in tutto il mondo, 27 delle quali sono operative in Italia.

Elena Maggi

AGENDA 2030

5.1 Porre fine a ogni forma di discriminazione nei confronti di tutte le donne, bambine e ragazze di ogni parte del mondo
5.5 Garantire alle donne la piena ed effettiva partecipazione e pari opportunità di leadership a tutti i livelli del processo decisionale nella vita politica, economica e pubblica
5.a Avviare riforme per dare alle donne pari diritti di accesso alle risorse economiche, come l'accesso alla proprietà e al controllo della terra e altre forme di proprietà, servizi finanziari, eredità e risorse naturali, in accordo con le leggi nazionali
5.b Migliorare l'uso della tecnologia che può aiutare il lavoro delle donne, in particolare la tecnologia dell'informazione e della comunicazione, per promuovere l'empowerment, ossia la forza, l'autostima, la consapevolezza delle donne
5.c Adottare e rafforzare politiche concrete e leggi applicabili per la promozione dell'uguaglianza di genere e l'empowerment, ossia la forza, l'autostima, la consapevolezza di tutte le donne e le ragazze a tutti i livelli


STRATEGIA NAZIONALE DI SVILUPPO SOSTENIBILE

PERSONE

II.1 Ridurre la disoccupazione per le fasce più deboli della popolazione

TEAM DI PROGETTO E SVILUPPO

Interno
Esterno

Docente a cui è stata conferita la Cattedra UNESCO che funge da punto catalizzatore per tutte le iniziative. Un aspetto importante è comunque dato dalla collaborazione con il Collegio docenti del Dottorato in Diritto e Scienze Umane, che è stato riconosciuto come Dottorato internazionale ed interdisciplinare.

DESTINATARI

L’iniziativa si rivolge a tre tipi di destinatari:

  • gli studenti universitari che seguono il corso (circa 250);
  • gli specializzandi che si avvia alla sua carriera nella ricerca (circa 40);
  • la cittadinanza in generale (sono presenti circa 120-140 persone ad ogni proiezione della rassegna cinematografica).

Investimento
risorse interne

11 mila euro

Investimento
risorse esterne

-

RISULTATI E MONITORAGGIO

Gli studenti che frequentano il corso possono scegliere di scrivere una tesina o di affrontare un esame sui temi del programma. In questo modo si può effettuare un monitoraggio sulle competenze acquisite dagli studenti. Un analogo percorso è svolto per quanto concerne i dottorandi, che vengono coinvolti nella discussione di materiali proposti dal visiting professor. Molto più difficile appare invece monitorare quali possano essere i risultati dell’iniziativa rispetto alla cittadinanza. Vi è però da sottolineare che la Rassegna cinematografica ha riscosso da subito un enorme successo, anche per la pubblicità che ne è stata fatta a livello locale.

COMUNICAZIONE

L’attività della Cattedra UNESCO è stata oggetto di una pagina sul sito dell’Università. Attualmente stiamo lavorando ad un apposito sito dedicato alle varie iniziative che la Cattedra sviluppa. Per quanto concerne invece la Rassegna cinematografica, sono state predisposte delle brochure che sono state distribuite e messe a disposizione in vari luoghi della città. Tutte le iniziative sono state inoltre pubblicizzate sul sito facebook del Dipartimento.